La distribuzione di energia: reti e "smart grid"

Le reti di distribuzione

Acea Distribuzione, società del Gruppo Acea, è titolare della concessione Ministeriale trentennale per la gestione della rete di distribuzione di energia elettrica di RomaeFormello, circa 29.000 kmdi estensione, con circa 2,7 milioni di abitanti serviti.Per volumi di energiaelettrica distribuita, circa 12.000 GWh/anno, Acea è ilterzo operatore italiano del settore.
Nella tabella n. 75 sono riportati i principali dati impiantistici.
Le perdite di energia sulla rete di distribuzione, dovute soprattutto, per lacomponente tecnica, all’effetto Joule nei conduttori, sono circa il 6,2%del totale veicolato, in linea coni valori medi nazionali (vedi Bilancio ambientale). Nel 2011 Acea Distribuzione ha eseguito uno studio di rete riguardante l’ottimizzazione dello schema di eserciziodella rete di media tensione dal quale emerge la possibilità di ottenere circa il 17% di recupero delle perdite tecniche di energia (vedi box dedicato al DIgSILENT Po- werFactory in Clientie collettività - qualità erogata area energia).

Tabella n. 75 – CONSISTENZA IMPIANTI E LINEE DI DISTRIBUZIONE AEREE E INTERRATE (2009-2011)

tipologia 2009 2010 2011
impianti e potenze      
   cabine primarie AT/AT – AT/MT (n.) 68 68 68
   trasformatori AT/AT e AT/MT (n.) 170 173 174
   potenza trasformazione (MVA) 7. 623 7.623 7.693
   cabine secondarie in esercizio (n.) 12.896 12.982 12.979
   trasformatori  MT/MT – MT/BT(n.) 12.436 12.567 12.671
   potenza di trasformazione (MVA) 4.547 5.750 5.845
reti aree e interrate      
   rete alta tensione – linee aeree (km) 372 372 372
   rete alta tensione – linee interrate (km) 241 241 241
   rete media tensione – linee aeree (km) 499 494 488
   rete media tensione – linee interrate (km) 9.336 9.526 9.705
   rete bassa tensione – linee aeree (km) 1.708 1.697 1.689
   rete bassa tensione – linee interrate (km) 16.860 16.997 17.148

Box – Gli sviluppi futuri della rete elettrica di Roma Capitale

Il Protocollo d'intesa per il riassetto della rete elettrica di distribuzione e trasmissione ad alta (150 kV) e altissima (220 e 380 kV) tensione, nella sua versione aggiornata del 17/03/2010, è stato stipulato da Acea Distribuzione insieme al Comune di Roma e alla società Terna SpA ed è stato sottoscritto per condivisione da Regione Lazio, Ente Parco Regionale di Veio, Romanatura e Dipartimento X del Comune di Roma.
Esso prevede la costruzione di 123 km di nuove linee aeree e la demolizione di quasi 300 km di linee aeree esistenti in un territorio che attraversa ben 11 aree naturali protette. Nel corso del 2011, superata la fase di preconsultazione, si è proceduto ad attivare l’iter procedurale finalizzato all’ottenimento dell’autorizzazione alla costruzione ed esercizio degli impianti.
Per i progetti relativi ai quadranti a Nord del territorio di Roma Capitale, pertanto, nel giugno 2011 si è depositato presso la Regione Lazio il Progetto e lo Studio di Impatto Ambientale al fine di ottenere il giudizio di compatibilità ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. n. 4/2008 in materia di Valutazione di Impatto Ambientale (VIA) e, in settembre, si è inoltrata allo stesso soggetto istituzionale la richiesta di deroga alle misure di salvaguardia di cui alla LR n. 29/07.
Per i progetti relativi ai quadranti a Sud, a seguito di diniego all’autorizzazione da parte di uno dei soggetti competenti per la tutela del territorio, si è operata una nuova progettazione e, sulla base di quest’ ultima si è inoltrata in novembre, analogamente a quanto descritto per i progetti dei quadranti a Nord, alla Regione Lazio una nuova istanza per la VIA ed in gennaio 2012 analoga richiesta per l'ottenimento della deroga alle misure di salvaguardia.
L’ obiettivo è di ottenere nel corso del 2012 le prescritte autorizzazioni ed avviare i lavori.

Smart grid

Nel novembre 2010 Acea Distribuzione ha presentato all’Autorità per l’energia elettrica e il gas un progetto Smart grid, che è stato selezionato ed ammesso tra i progetti pilota incentivati109 (vedi box dedicato). Il progetto pilota, che avrà un costo complessivo di circa 4,9 milioni di euro, interessa una rete già in esercizio nell’area di Malagrotta-Ponte Galeria, è stato avviato nel gennaio 2011 e si prevede il suo completamento entro il 2012; il box dedicato illustra lo stato di avanzamento e i lavori svolti nell’anno per ciascuno dei 6 capitoli principali.

Box – Il progetto pilota Smart grid di Acea Distribuzione: stato di avanzamento 2011

Il progetto Smart grid di Acea Distribuzione si articola nei seguenti 6 capitoli principali:
  1. automazione di rete MT (selezione automatica tronco guasto evoluta; gestione dei generatori distribuiti – telescatto e cambio taratura) – nel corso del 2011 è stata completata l’installazione degli apparati in campo ed è stata messa in servizio l’automazione evoluta su una dorsale senza generazione distribuita, nella seconda fase saranno coinvolte anche le dorsali MT con generazione distribuita.
    Lo stato di avanzamento a fine anno è dell’85%.
  2. monitoraggio della rete MT e BT (acquisizione grandezze elettriche e ambientali sul rete MT e BT).
  3. nuovi criteri di gestione della rete MT (load flow management; ottimizzazione dei profili di tensione; minimizzazione delle perdite) – per i capitoli 2 e 3 nell’anno sono state completate le specifiche di dettaglio delle applicazioni previste nel progetto. Nel 2012 saranno sviluppate e implementate in campo le funzionalità definite.
    I rispettivi stati di avanzamento a fine 2011 sono del 45% e del 35%.
  4. e-car & storage (smart storage; sistema di gestione e controllo rete MT con interfaccia per impianto fotovoltaico, veicolo elettrico e thyristor voltage regulator -TVR) – nel corso dell’anno è stata completata la prima fase del progetto con l’installazione del sistema di storage coordinato con impianto fotovoltaico e colonnine di ricarica. Nel 2012 si prevede l’interfaccia con il centro di quanto già installato in campo e l’installazione del dispositivo TVR con la relativa interfaccia verso il centro per la regolazione della tensione sulla dorsale MT.
    Lo stato di avanzamento a fine anno è del 75%.
  5. diagnostica di cabina primaria – per quanto concerne la diagnostica di CP è stato completamente installato quanto previsto sia lato campo che lato centro, nei primi mesi del 2012 terminerà la fase di collaudo e affinamento del sistema.
    Lo stato di avanzamento a fine anno è del 95%.
  6. individuazione punto d’innesco guasti transitori –è terminata la fase di installazione in campo e deve essere completata l’installazione al centro per l’individuazione del punto d’innesco di guasti transitori. Il progetto prevede il termine delle installazioni e messe in servizio entro luglio del 2012 e la fase di monitoraggio entro dicembre del 2012.
    Lo stato di avanzamento a fine 2011 è del 90%.

 

109 Con la Delibera ARG/elt 12/11, pubblicata nel febbraio 2011, l’Autorità per l’energia elettrica e il gas ha reso noti i progetti selezionati per la fase di sperimentazione delle reti intelligenti ammessi agli incentivi. Sono in tutto otto per un investimento complessivo di 19,3 milioni.