Le attività nel Lazio centrale: sorgenti e aree protette

in

L’acqua potabile destinata all’Ambito Territoriale Ottimale 2 del Lazio centrale viene derivata dalla società Acea Ato 2 grazie a concessioni pluriennali dalle sorgenti: Peschiera, Capore, Acqua Marcia, Acquoria, Salone (Acquedotto Vergine), Vallepietra e Ceraso.
Integrazioni marginali provengono da alcuni campi pozzi (Pantano Borghese, Finocchio, Torre Angela, Doganella, Ceraso, ex Casmez) e dal Lago di Bracciano.
Le acque vengono captate in modo da rispettare i tempi di ripristino fissati dal ciclo idrogeologico naturale e vengono gestite tramite otto sistemi acquedottistici sia a gravità che in pressione.
Altre tre fonti di approvvigionamento – le sorgenti Traianee, Salone e il fiume Tevere – forniscono la risorsa non potabile, che viene trattata e immessa nella specifica rete di distribuzione di Roma dedicata all’innaffiamento di parchi e giardini.

Tabella n. 76 – LE SORGENTI SOTTO TUTELA NELL’ATO 2 - LAZIO CENTRALE

area sensibile ubicazione superficie (m2)
sorgenti Peschiera comune di Cittaducale (Rieti,Lazio) 598.530
sorgenti Le Capore comune di Frasso e Casaprota (Rieti,Lazio) 586.600
sorgente Acqua Marcia comuni di Agosta-Arsoli-Marano Equo (Roma) 3.519.600
sorgente Acquoria comune di Tivoli (Roma) 10.050
Acqua Felice - sorgenti Pantano comune di Zagarolo (Roma) 441.280
sorgenti Pertuso (*) comune di Trevi - Filettino (Lazio) 77.740
sorgenti Doganella comune di RoccaPriora (Roma) 350.000
sorgenti Acqua Vergine comune di Roma 500.000
pozzi Torre Angela comune di Roma 50.300
pozzi di Finocchio comune di Roma 31.153
(*) In condizioni di normalità le sorgenti del Pertuso sono utilizzate dall'Enel per la produzione di energia elettrica, mentre le sorgenti nel Comune di Vallepietra e quella del Ceraso contribuiscono all'alimentazione della rete acquedottistica del Simbrivio. In caso di carenza idrica stagionale è necessario attingere anche al Pertuso, interrompendo la produzione di energia elettrica. Tale procedura è regolamentata da apposita ordinanza emanata dal Commissario per l'emergenza idrica del Simbrivio. NB: i piani di salvaguardia di alcune sorgenti, in particolare Vallepietra, Ceraso e pozzi ex Casmez, sono in via di completamento per essere poi sottoposti alla approvazione degli Enti preposti.