Diversità e Pari opportunità

in

Perimetro di riferimento

Le informazioni e i dati presentati in Diversità e Pari opportunità riguardano: Acea SpA, Acea Distribuzione, Acea Illuminazione Pubblica, Acea Reti e Servizi Energetici, Acea Energia holding, Acea Energia e Acea Produzione, Acea8cento, Acea Ato 2, Acea Ato 5, Umbra Acque, LaboratoRI, Acea Gori Servizi, Crea Gestioni (nella quale sono confluite Crea Partecipazioni e Acea Rieti), Gesesa, Sogea, Lunigiana, Solemme, A.R.I.A (nella quale sono confluite EALL,Terni En.A ed Enercombustibili), SAO e, a partire dal 2011, la società Aquaser.

Diversità

Acea inserisce e integra in azienda personale appartenente alle categorie protette (diversamente abili, orfani ecc), a cui garantisce, anche grazie all’attività dell’Associazione Nazionale Mutilati e Invalidi Civili – ANMIC, servizi di sostegno, assistenza e strumenti tecnici di supporto, atti ad agevolare lo svolgimento delle mansioni affidate. Il personale appartenente a categorie protette, al 31.12.2011, include 275 dipendenti (170 uomini e 105 donne), coerentemente con quanto stabilito dalla normativa (Legge n. 68/99).

Pari opportunità

La Commissione per le Pari Opportunità (CPO) opera in Acea sin dal 1991 con il compito di promuovere e sostenere politiche e azioni positive tese a superare ogni forma di disparità e di ostacolo all’esercizio dei diritti della persona, contrastare la discriminazione diretta o indiretta nei confronti delle donne e di tutte le categorie professionali favorendone la piena integrazione nel contesto lavorativo. I membri che compongono la CPO sono in parte di nomina sindacale e in parte di nomina aziendale.
La CPO dispone di un’area dedicata nell’intranet aziendale, pensata come strumento di informazione e di sensibilizzazione rivolto a tutti i dipendenti per l’accrescimento della consapevolezza del valore delle differenze nel contesto aziendale.
Il piano di tutela delle pari opportunità vigente in Acea prevede sia un Regolamento per la tutela della dignità delle donne e degli uomini sia la figura del Consigliere di fiducia, un professionista esterno all’azienda che ha il compito di raccogliere e curare la risoluzione delle segnalazioni relative a episodi di discriminazione, molestie sessuali e mobbing.
Acea SpA, in ottemperanza alla normativa, ha redatto il report biennale (2010-2011) di genere volto a illustrare lo stato del personale maschile e femminile (le consistenze, i livelli di inquadramento, ecc.). Il documento è curato dalla Funzione Personale e Organizzazione di Acea SpA e viene consegnato alla Commissione per le Pari Opportunità e alle Organizzazioni Sindacali che ne studiano i dati e presentano progetti mirati sulla base delle evidenze emerse.

La presenza femminile in Acea

I dati relativi alla presenza femminile in Acea evidenziano, per il triennio considerato, una costante crescita dell’incidenza delle donne sul totale dei dipendenti ed entro ciascuna categoria professionale (vedi tabella n. 56). Nel 2011 particolarmente positivi sono i dati relativi alla presenza di donne con funzioni di quadro (+2,5% rispetto al 2010), laureate (+1,5% rispetto al 2010) e facenti parte degli organismi di corporate governance (+1,3% rispetto al 2010).

Anche nel 2011 il governo di una Funzione di corporate – Investor Relations – resta affidato alla responsabilità di una dirigente.

Tabella n. 56 – LE DONNE IN ACEA (2009-2011)

  2009 2010 2011
donne sul totale organico 20,4% 20,9% 21,3%
donne sul totale membri organismi di corporate governance (*) 8,7% 6,7% 8,0%
donne dirigenti sul totale dirigenti 15,8% 16,2% 17,4%
donne quadro sul totale quadri 24,8% 24,9% 27,4%
donne laureate sul totale laureati 38,2% 38,5% 40,0%
(*) Consigli di Amministrazione, Collegi dei Sindaci e Organismi di Vigilanza delle società incluse nel perimetro di rendicontazione.